martedì 23 aprile 2013

Come costruire un pannello solare con bottiglie di plastica



Come costruire un pannello solare con bottiglie di plastica:

Questo pannello solare, non solo produce energia pulita da una fonte rinnovabile , il sole, ma riutilizza anche bottiglie di plastica. Inoltre, chiunque può costruirne uno.

Si tratta di una invenzione di un meccanico brasiliano in pensione di nome José Alano il quale ha dimostrato che l’energia rinnovabile è a disposizione di tutti e che potrebbe non essere così costoso come si vorrebbe far credere.
Per costruire questo pannello solare bisogna raccogliere bottiglie di plastica e Tetrapak. Il prototipo di Josè è in funzione dal 2002 e da allora lui cerca di divulgare l’idea in Brasile con conferenze e laboratori.

Questi i materiali che occorrono per la realizzazione:
60 bottiglie di plastica da due litri, 50 cartoni, un tubo in PVC con una larghezza di 100 mm, un tubo di PVC 20 mm, PVC 4 gomiti 90 gradi da 20 mm (4) , connettori a T da 20 mm in PVC , tappi in PVC da 20 mm.

José Alano Otto anni fa, un meccanico brasiliano in pensione, è stato ispirato per raccogliere bottiglie di plastica (PET) e cartoni di latte utilizzati per sviluppare un sistema di riscaldamento solare dell’acqua semplice, economico e chiunque potrebbe costruire.
The Ecologist dedica un grande articolo raccontando la sua storia:
… Vedendo che nella sua piccola città di Tubarão non esisteva alcuna infrastruttura di riciclare imballaggi e sentirsi in grado di mettere da parte tutti i contenitori nel cestino, Alan e sua moglie presto trovato una stanza piena di bottiglie e cartoni di latte vuoti. [...] Con la sua intelligenza e l’esperienza con i collettori solari, lui e sua moglie costruito una versione alternativa con 100 bottiglie in PET e 100 cartoni di latte utilizzato. Il prototipo ha funzionato perfettamente, mentre dato una nuova vita a tutti questi rifiuti in modo responsabile.
Dal momento che l’invenzione della schiena riscaldamento solare nel 2002, Alan ha continuato a diffondere questa idea in Brasile attraverso conferenze e workshop in scuole e nelle comunità di quartiere. Le autorità locali, i media e persino utilità hanno contribuito alla diffusione di questa pratica meravigliosa. Cifre esatte non sono note, anche se Alano citarne alcuni:
Più di 7.000 persone sono già beneficiano di questi pannelli solari fai da te solo nello stato di Santa Catarina. Ci sono già due cooperative, una in Tubarão e altri a Florianópolis, l’ultimo dei quali ha 437 sensori che verranno installati nei comuni. Nello stato del Paraná, il numero di collettori installati nel 2008 è stato 6.000, grazie a workshop e volantini distribuiti nella popolazione.

Questo il link con le istruzioni
http://ecocosas.com/arq/calentador-solar-gratis-con-botellas-pet/

7 commenti:

  1. Che bella notizia!
    Ma chissà perchè i giornali non ne parlano...che sia troppo economico?

    RispondiElimina
  2. Avevo trovato quest'articolo in spagnolo e l'avevo tradotto per i miei genitori qualche mese fa....è un esperimento assolutamente da fare!!!

    RispondiElimina
  3. Proprio questa mattina ho visto questa cosa sul fb di mio marito. Molto interessante! =)
    Daniela

    RispondiElimina
  4. Vieni a ritirare il Premio^^:
    http://hosemprebisognodellalistadellaspesa.blogspot.it/2013/04/one-for-youone-for-me-awards-for-all.html

    RispondiElimina
  5. Sembra interessante, andrò a leggere tutto con estrema attenzione, grazie per la segnalazione!

    Intanto, ti va di partecipare alla mia iniziativa? Sono certa che le idee non ti mancano!
    Vieni a vedere di cosa si tratta:
    http://vogliadivitavera.blogspot.it/2013/04/io-colleziono-e-tu.html

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. mi spiace a me non sembra interessante, la plastica riscaldata dal sole fa venire il cancro al seno e da altre parti soprattutto nelle donne, quindi l'acqua che ne deriva farebbe male e che questa cosa del cancro sia vera è stato provato con studi scientifici, basta vedere su internet e si trovano questi studi.

    RispondiElimina